So bene che non vuoi sprecare soldi comprando un amplificatore a caso.

Tutto ciò è totalmente comprensibile.

L’unico problema è che non tutti sono degli esperti in questo campo. Molte persone non sono in grado di vedere alcuna differenza tra un amplificatore integrato da 100€ ed uno da 500€ al momento dell’acquisto.

Ed è per questo che i nostri esperti hanno deciso di creare questo articolo è recensire i 6 migliori amplificatori Hi-Fi del 2018.

In questo modo evitare lunghe ricerche e sforzi pur sapendo che acquisterai un grande amplificatore.

Ad essere onesti, questa è una delle guide più complete e dettagliate riguardo all’argomento che potrai trovare sul web Italiano.

Il tuo unico compito sarà quello di scegliere uno tra quelli elencati in questa lista, basandoti sulle tue preferenze e disponibilità economica.

I migliori amplificatori integrati Hi-Fi a confronto (TOP 5)

denonDenon PMA 520AEPioneer A 10 KMarantz PM6006Pioneer A 20 K
Amplificatore Integrato Hi-Fi1. Denon D20722. Denon PMA-520AE3. Pioneer A-10-K4. Marantz PM60065. Pioneer A-20-K
premio-oro4
Scelta
d'autore
premio-argento8
Miglior rapporto qualità - prezzo
best-seller6
Più
venduto
Tipo uscita audio3 – Capacità totale 100 W1 – Capacità totale 100W1 – Capacità totale 135W1 – Capacità totale 155W1 – Capacità totale 135W
Potenza in uscita2 x 50W (8 Ohm) – 2 x 85W (4 Ohm)2 x 45W (8 Ohm) – 2 x 70W (4 Ohm)2 x 30W (8 Ohm) – 2 x 50W (4 Ohm)2 x 45W (8 Ohm) – 2 x 60W (4 Ohm)2 x 30W (8 Ohm) – 2 x 50W (4 Ohm)
Formato segnale107dB105dB105dB102dB100dB
Vedi Prezzo Vedi Prezzo Vedi Prezzo Vedi Prezzo Vedi Prezzo
Clicca qui per leggere la recensione del prodotto #6.


1. Denon D2072 – Scelta d’autore

Denon D2072

Tipo uscita audio: 3 – Capacità totale 100 W

Potenza in uscita: 2 x 50W (8 Ohm) – 2 x 85W (4 Ohm)

Formato segnale: 107dB

Sicuramente adorerete questo amplificatore! Infatti questo solido e compatto Hi-Fi costruito con materiali di qualità ha tutte le caratteristiche di un buon impianto e lo rendono senza dubbio uno dei migliori amplificatori integrati Hi-Fi del 2018.

Dotato di ingresso ‘phono’ per giradischi e quattro ingressi ‘linea’ adatti a connettere altrettanti dispositivi di riproduzione. Questo amplificatore integrato Hi-Fi garantisce in uscita dei suoni controllati e ben definiti se 4abbinato ai giusti diffusori acustici.

Grazie alle sue funzioni di autospegnimento e modalità stand-by, questo amplificatore integrato ECO friendly vi consentirà un basso consumo e potrete quindi risparmiare energia. Tutto ciò avviene in modalità automatica quando non viene eseguita alcuna azione ed in assenza di segnale audio dopo oltre 30 minuti.

Questo amplificatore integrato è inoltre dotato di un’uscita preamplificatore ed equalizzazione loudness. Questa risulterà molto utile a compensare la sensibilità acustica di chi desidera ascoltare musica a livelli non troppo esagerati.

È anche possibile regolare ed aggiustare il bilanciamento del volume in uscita dei due canali stereo. Potrete fare tutto ciò mamualmente agendo direttamente sull’amplificatore integrato oppure da remoto grazie al telecomando wireless in dotazione.

Pro
  • Migliore qualità del suono
  • Uscita preamplificatore
  • Possibilità di bi-wiring tra speakers
  • Modalità auto spegnimento e stand-by
  • Amplificatore integrato dall’uso facile ed intuitivo
  • Telecomando in dotazione con questo Hi-Fi
  • Manopola volume motorizzata
Contro
  • Corto raggio d’azione del telecomando
  • Volume inflessibile non adatto a tutti i generi musicali

 2. Denon PMA-520AE – Miglior rapporto qualità prezzo

Denon PMA-520AE

Tipo uscita audio: 1 – Capacità totale 100W

Potenza in uscita: 2 x 45W (8 Ohm) – 2 x 70W (4 Ohm)

Formato segnale: 105dB

Adatto ad ambienti di piccole e medie dimensioni, questo amplificatore integrato Hi-Fi svolge un ottimo lavoro per coloro che non hanno troppe pretese e desiderano acquistare un prodotto economico.

Il pannello frontale di facile interpretazione presenta funzionalità integrate dal semplice utilizzo, regolabili sia a mano direttamente sul pannello che da remoto grazie al telecomando wireless. Garantiscono un suono caldo e molto equilibrato in uscita.

Il pannello posteriore dispone anch’esso di quattro ingressi per collegare altrettante periferiche (lettore CD, radio, PC, Aux). L’ingresso per giradischi invece vi consentirà invece l’ascolto in Hi-Fi dei migliori LP vintage.

Data la limitata potenza in uscita, è consigliabile accoppiare questo amplificatore integrato ad un subwoofer se volete bassi più lunghi e potenti. La gamma dei suoni medio/alti invece risulta essere brillante subito dopo il primo ascolto.

Questo amplificatore integrato Hi-Fi di casa Denon nel complesso non tradirà le vostre aspettative nonostante il basso prezzo. Secondo le nostre opinioni questo Hi-Fi è un serio candidato come miglior amplificatore integrato qualità prezzo, e si rivelerà sicuramente un ottimo investimento!

Pro
  • Rapporto qualità prezzo imbattibile
  • Amplificatore integrato dal design elegante
  • Funzioni integrate dall’uso facile ed intuitivo
  • Distorsioni assenti pure ad alti volumi
  • Modalità auto spegnimento e stand-by
  • Telecomando in dotazione con questo Hi-Fi
Contro
  • Assenza dell’uscita del preamplificatore
  • Bi-wiring tra speakers non disponibile

 3. Pioneer A-10-K – Il più venduto

Pioneer A-10-K

Tipo uscita audio: 1 – Capacità totale 135W

Potenza in uscita: 2 x 30W (8 Ohm) – 2 x 50W (4 Ohm)

Formato segnale: 105dB

Dotato di tecnologia a transistor MOS (metallo ossido semiconduttore), largamente usato nel campo dell’elettronica digitale, questo amplificatore Hi-Fi fornisce un’amplificazione stabile e dinamica. La qualità del suono è tra le più dettagliate tra gli articoli di questa fascia di prezzo.

Questo amplificatore integrato, ottimo sia come primo acquisto sia come base d’appoggio per un altro sistema, sprigiona un suono decisamente potente e riesce ad evitare distorsioni pure a volumi alti.

Il presente amplificatore integrato è assemblato con tecnologia di potenza simmetrica garantisce un bilancio perfetto tra i due canali stereo. I dettagli sono intensificati grazie alla tecnologia ad alimentazione isolata.

È possibile inoltre usufruire della validissima opzione di bi-wiring ed usare l’amplificatore Hi-Fi come sistema multiroom grazie alle due coppie di uscita stereo, collegando quattro diversi altoparlanti e posizionandoli in stanze differenti.

Oltre ai soliti cinque ingressi “linea” questo amplificatore integrato Hi-Fi è ulteriormente dotato di un ingresso/uscita dove potrete collegare diversi dispositivi di riproduzione musicale ed essere in grado di registrare in loop tra le diverse fonti.

Pro
  • Costruito con materiali resistenti
  • Amplificatore integrato costruito con transistor MOS
  • Suono in uscita pulito e naturale
  • Ampia regolazione del potenziometro del volume
  • Possibilità di bi-wiring tra speakers
  • Assenza di distorsioni ad alti volumi
  • Prezzo relativamente basso
Contro
  • Telecomando wireless non in dotazione
  • Potenza sonora non convincente in ampi spazi

4. Marantz PM6006 – Amplificatore più resistente e duraturo

Marantz PM6006

Tipo uscita audio: 1 – Capacità totale 155W

Potenza in uscita: 2 x 45W (8 Ohm) – 2 x 60W (4 Ohm)

Formato segnale: 102dB

Se siete appassionati di musica ad alta fedeltà e siete alla ricerca di uno degli amplificatori Hi-Fi migliori, la recensione di questo articolo Hi-End non tradirà le vostre aspettative.

Presentando un look modesto, questo amplificatore Hi-Fi presenta due ingressi digitali ottici più un ingresso coassiale per ridurre vibrazioni indesiderate.

Una migliore alimentazione elettrica ed un guscio metallico consentono di limitare ulteriormente l’impatto della fase digitale in uscita nel segnale analogico. Ottima resa sugli acuti ed in generale abbastanza potente da rendere bene pure a volume moderato.

La vostra musica preferita vi farà scoprire nuovi dettagli particolari che precedentemente non venivano percepiti da altri amplificatori integrati Hi-Fi di marche meno blasonate. Tutto ciò nonostante sia riprodotta dai classici compact disc oppure dai più datati vinili.

Oltre ai già citati ingressi digitali e coassiale (conmesione TV), questo Hi-Fi presenta anche i classici ingressi e le uscite di tipo analogico; grazie alla placcatura in oro, garantiscono infatti delle connessioni migliori alle fonti ed i dispositivi esterni.

Rispetto ai modelli precedenti di amplificatori integrati della stessa marca, questo Hi-Fi costituisce perlopiù un’evoluzione rispetto a una rivoluzione. Nonostante il costo leggermente alto può comunque essere considerato tra i migliori amplificatori integrati Hi-Fi sotto i 600€ e vi garantirà un investimento duraturo nel tempo.

Pro
  • Design robusto e piedini antivibrazione
  • Costruzione solida con ottimi materiali
  • Amplificatore integrato dalla eccellente qualità sonora
  • Regolazione precisa del volume
  • Telecomando in dotazione con questo Hi-Fi
  • Ampia disponibilità di ingressi analogici e digitali
Contro
  • Connessione USB assente in questo amplificatore

 5. Pioneer A-20-K – Miglior aspetto e multifunzionalità

Pioneer A-20-K

Tipo uscita audio: 1 – Capacità totale 135W

Potenza in uscita: 2 x 30W (8 Ohm) – 2 x 50W (4 Ohm)

Formato segnale: 100dB

Se siete alla ricerca di buona qualità sonora ma allo stesso tempo siete dei nostalgici del design degli amplificatori integrati Hi-Fi del passato, qesto articolo potrebbe decisamente fare al caso vostro.

Le linee eleganti di questo amplificatore integrato di casa Pioneer infatti ricordano molto quelle degli amplificatori vintage migliori degli anni passati.

A differenza dell’altro modello Hi-Fi dalla stessa marca e presente in questa lista, il pannello frontale è in alluminio satinato ed è possibile regolare gli indicatori LED. Il telecomando wireless è in dotazione.

L’amplificatore in sé si presenta molto robusto e voluminoso, lasciando maggiore spazio ai componenti elettronici al suo interno e dissipare più calore e fornire un suono migliore, pulito e preciso.

È inoltre possibile selezionare la modalità “direct” e bypassare l’equalizzazione interna ed il bilanciamento delle casse; sarete cosi in grado di ascoltare alcuni generi musicali come musica classica o d’orchestra in maniera naturale e diretta.

Questo ottimo Hi-Fi darà un tocco di eleganza in più al salotto di casa vostra. Avrete inoltre un amplificatore dalle opzioni audio fondamentali senza troppe caratteristiche tecniche talvolta inutili alle vostre esigenze.

Pro
  • Amplificatore integrato dal design vintage ed elegante
  • Pannello frontale in alluminio satinato
  • Illuminazione delle spie regolabile
  • Telecomando in dotazione con questo Hi-Fi
  • Possibilità di bi-wiring tra speakers
  • Manopola volume motorizzata
  • Modalità auto spegnimento e stand-by
Contro
  • Potenza sonora non convincente in ampi spazi

6. Auna AV2-CD508 – L’opzione più economica

Auna AV2-CD508

Tipo uscita audio: 1 – Capacità totale 125W / Picco a 600W

Potenza in uscita: 2 x 45W (8 Ohm)

Formato segnale: 85dB

Questo amplificatore Hi-Fi presenta quattro ingressi analogici per collegare altrettanti dispositivi di riproduzione audiovisivi. Avrete a casa vostra tanta potenza ad un prezzo molto basso per un articolo del suo genere.

Ma sarà davvero possibile ottenere tutto questo spendendo cosi poco? Continuate a leggere questa recensione ed otterrete una risposta adeguata alla fatidica domanda.

Molto facile da trovare tuttora nel 2018 negli negozi Italiani, questo amplificatore presenta un suono pieno, grazie a medio/alti nitidi e bassi davvero articolati e potenti.

Allo stesso tempo, un uso prolungato ne determinerà una riduzione nei dettagli della struttura armonica. Non è una sorpresa poiché questo accade anche ad altri prodotti di diverse marche ma della stessa fascia di prezzo.

Dimenticandovi di queste piccole limitazioni, il suono di questo amplificatore è comunque abbastanza valido grazie ai toni vocali riprodotti in maniera brillante, sebbene le voci singole risaltano in modo migliore rispetto alle voci corali.

Diciamocelo,nonostante il prezzo di listino e seppure la qualità sonora non è estremamente definita né particolarmente liscia, fa comunque il suo sporco lavoro!

Pro
  • Amplificatore integrato economico
  • Amplificazione buona e potente
  • Montaggio estremamente semplice
  • Telecomando in dotazione con questo Hi-Fi
  • Manopola volume motorizzata
Contro
  • Bluetooth assente in questo sistema
  • Necessita l’uso di numerosi cavi
  • Nessuna presa HDMI
migliori-amplificatori-integrati-hifi

Amplificatore o Sintoamplificatore?

Ci sono tre maggiori fattori da tenere in considerazione quando deciderete quale scegliere tra i due: numero dei canali AVR (audio/video ricevitore), sintonizzatore radio incluso, prezzo.

La differenza tra amplificatori integrati e sintoamplificatori sta nella presenza o meno di un sintonizzatore radio nel dispositivo.

Al giorno d’oggi molte case produttrici cercano di ottimizzare costi e spazio racchiudendo in un solo telaio sia gli amplificatori integrati che i sintonizzatori radio am/fm stereo o multicanale, quindi ad oggi è più semplice poter scegliere il miglior amplificatore Hi-Fi che più va incontro alle vostre esigenze.

C’è comunque da tenere presente che il prezzo sale in parità al numero di opzioni e caratteristiche che presenta un amplificatore integrato; se esso possiede un alto numero di canali (analogici e/o digitali) ed include il sintonizzatore radio, non aspettatevi un Hi-Fi troppo economico.

Come scegliere il miglior amplificatore Hi-Fi adatto a voi?

Anche in questo caso, in modo da potervi aggiudicare uno tra gli amplificatori Hi-Fi migliori, dovreste tenere presente diversi aspetti e comunque rispettare anche le vostre esigenze.

Più alto è il numero dei dispositivi audiovisivi che desiderate collegare, maggiore sarà il numero di ingressi ed uscite che l’amplificatore Hi-Fi dovrà presentare sul pannello posteriore.

Bisognerebbe inoltre imparare la terminologia che ne caratterizza i dettagli tecnici, capire le specifiche dell’amplificatore Hi-Fi e delle casse ed essere in grado di poterli abbinare in modo corretto.

Ingressi analogici e digitali

Ingressi analogici e digitali

Quando si parla di analogico e digitale ci si riferisce alla modalità di rappresentare la misura di un segnale.

Il segnale digitale è una grandezza che può assumere solo un numero finito di valori, il segnale analogico invece è una grandezza che varia in sempre e può rappresentare un numero infinito di valori.

Si può quindi definire il concetto di analogico come una condizione di continuità mentre il digitale presenta un percorso caratterizzato da diversi passi.

Detto in parole povere, sono due modalità diverse che servono a tradurre sia di organizzazione, trasmissione e produzione dati che rappresentano quelle grandezze fisiche.

Connettività wireless

Connettività wireless

Le connessioni wireless sono molto comode negli amplificatori integrati Hi-Fi poiché come indica il termine stesso elimina di fatto il cablaggio e la presenza dei fili di connessione tra due o più dispositivi. Tra queste, le più comuni sono sicuramente il Wi-Fi, il Bluetooth e la più recente tecnologia NFC.

Sebbene molto comode in certi aspetti, le uniche pecche possono essere rappresentate dal limitato raggio d’azione e dal fatto che in mancanza di segnale bisogna attendere qualche istante prima di una riconnessione tra dispositivi.

Per utenti più tradizionali, esistono anche dei modelli di amplificatore integrato Hi-Fi con ingresso USB e quindi è possibile collegare la chiavetta di archiviazione file.

Impedenza

Impedenza

Il termine impedenza in un amplificatore indica il risultato del rapporto fra la tensione e l’intensità di corrente in uno stesso circuito. Rappresenta cioè la forza di opposizione di un circuito al passaggio di corrente elettrica alternata.

Questa definizione è molto spesso fraintesa con il termine di “resistenza” nel senso lato della parola.

Le resistenze in correnti continue non sono altro che ostacoli che servono in un circuito elettronico ad assorbire una certa quantità di potenza che viene resa all’ambiente sotto forma di calore.

Le reattanze presenti in un sistema di correnti alternate, hanno invece la particolarità di non dissipare potenza.

In parole povere, è consigliabile il collegamento di diffusori ad alta impedenza su amplificatori integrati che operano a bassa impedenza e non viceversa.

Potenza

Potenza

La potenza negli amplificatori integrati Hi-Fi come nei sistemi home theatre si misura in Watt, e fino a questo punto niente di nuovo.

Più alto è il valore di wattaggio della potenza in uscita, migliore sarà la resa del volume e del suono che questi amplificatori integrati Hi-Fi produrranno. Negli altoparlanti questo valore indica invece la tolleranza che essi possono a supportare quando sono collegati agli Hi-Fi sopra citati.

In passato era comune pensare che bastasse unire diffusori ad alta potenza (quindi maggiore tolleranza) ad amplificatori vintage migliori a basso wattaggio e si risolverva ogni dubbio.

Sebbene non sia il miglior modo da potere ottenere la migliore accoppiata, nel 2018 ci sono ancora molti utenti novizi in questo campo che decidono di utilizzare questa semplice scorciatoia.

In modo da potersi aggiudicare il miglior amplificatore integrato Hi-Fi sarebbe opportuno capirne qualcosina di più su potenza continua e potenza dinamica:

  • Potenza continua

Con questo termine si indica quanto potente sia un amplificatore che agisce in condizioni normali. La potenza continua fornisce una quantità fissa di Watt ad un numero fisso di Ohm (unità di misura della sopra citata impedenza).

  • Potenza dinamica

Questo parametro è stato invece progettato a garantire delle dinamiche che sono prodotte e vengono offerte di ricorrenza nei moderni formati video e nella musica digitale, consente ciò è di spingere la potenza in uscita ad un livello migliore.

Conclusioni – Cosa aspettarsi dopo l’acquisto

Dopo avere dato uno sguardo a questa guida che mostra quelli che secondo le nostre opinioni sono i sei amplificatori Hi-Fi migliori in circolazione, oltre alla spiegazione di alcuni termini e vocaboli non troppo comuni, ci auguriamo di avervi chiarito qualche idea su come scegliere.

Una volta acquisita la varia terminologia, siamo sicuri che alla fine di questo processo di selezione vi sarete aggiudicati un prodotto eccellente, che sia un articolo economico dalla buona qualità prezzo oppure un Hi-End.

Sebbene non sia così semplice decretare quale sia il miglior amplificatore integrato qualità prezzo, gli articoli elencati sopra sono tutte scelte abbastanza economiche e sono di pregevole fattura.

Chi utilizza Spotify come fonte musicale può individuare amplificatori integrati Hi-Fi senza lettore CD (ancora più economici) dotati di connessione Wi-Fi e Bluetooth. Chi invece desidera fare le cose in grande, dovrebbe puntare lo sguardo sui più costosi amplificatori surround integrati 5.1 con lettore CD, ingresso USB e connessioni wireless.